Mondogatto 2010

È da un po’ che faccio il volontario a Mondogatto. Ogni giovedì mattina, più o meno, vado a lavare recinti. È un lavoro vero, nel senso che sono tre o quattro ore molto pesanti e dalle quali si esce sfiniti e spesso lavati almeno come i recinti stessi (molto si fa con una pompa dell’acqua). Quest’anno è anche la terza volta che faccio le foto per il calendario del gattile.

Attila

La prima volta è stato un esperimento, foto fatte un po’ così come capitava, cercando più che altro di fare in modo che i gatti sembrassero molto belli e anche molto bisognosi di aiuto (come poi veramente sono). Il calendario è venuto abbastanza bene ma nel complesso era un lavoro molto “basic”.

L’anno scorso non è andata esattamente come pensavo. Alla fine un altro volontario ha fatto delle foto che per motivi legati al finanziamento del progetto dovevano essere usate per forza e ne uscito un calendario che era un po’ una scarpa e una ciabatta. Anche le mie foto non erano granché, se devo dirla tutta. Ho tentato di fare dei veri primi piani, con un piccolo flash montato in un microbank per averli il più possibile uniformi. Però il risultato non è stato proprio quello che volevo anche se le foto non è che fossero proprio da buttare. Il fatto è anche anche che i gatti non posano, sono molto più difficili di qualunque altro animale domestico. È impossibile dire loro cose come “guarda in camera” o “ecco, fermo così, perfetto”. Anzi, di solito quando pensi di vederli in una posa o in una posizione giuste non fai nemmeno in tempo a pensarlo che già sono scappati.

Quest’anno è andata diversamente. Le foto le ho di nuovo fatte tutte io e con l’aiuto di Gioia (anche lei volontaria con me) che mi ha fatto da “voice-activated boom” sono anche riuscito ad avere una bella luce, con solo un piccolo flash Canon e una griglia attaccata con il gaffer tape. È venuto fuori davvero un bel lavoro e sono piuttosto contento di mostrarlo qui in anteprima, come primo post di questo blog. Questo non vi esimerà dall’acquistare comunque un calendario 2010! Lo farete per aiutare i gattini e quando sarà disponibile lascerò un avviso su questo blog.

Nella gallery ci sono tutte le foto, anche una che sul calendario poi non ci sarà (Nemo, che purtroppo nel frattempo è deceduto). Cliccate su una delle preview per ingrandirla e poi sfogliate le foto o con il mouse o meglio usando le frecce della tastiera. Per tornare al blog cliccate sulla “X” in alto a sinistra oppure premete “esc” sulla tastiera.

5 Comments

  • valentina olivastri wrote:

    I love your bio! I really do. Looking forward to reading the rest. Thank God you write in Italian. I think you are serious competition. I mean it.

  • Non mi sembrano tanto belle le foto di gatti che hai fatto. Gli sfondi scuri non rendono giustizia alla bellezza felina. Riprova con meno (pseudo) arte e più umiltà.
    Marisa la gattara.

    • Mi spiace che le foto non ti siano piaciute, ma non è una questione di arte o di umiltà. Questo è il mio stile: le foto sono dei ritratti “posati”, con luce artificiale, come tutto il mio lavoro. I gatti li conosco bene, ne ho quattro e so bene come possano essere belli. Del resto le foto che probabilmente a te piacciono le fanno già in tanti e forse sono anche un pochino tutte uguali, non trovi?

  • […] pronto il calen­da­rio di Mon­do­gatto 2010, quello con le mie foto! Ricor­date? Ne avevo scritto un paio di […]

  • Io le ho trovate molto belle, sarà che adoro gli animali, i gatti in particolare, sarà che facendo (io) foto al di sotto della media mi piace guardare quelle belle.
    Fotografo spesso i gatti e so che a meno che non stiano dormendo a volte non sono soggetti facili perché si muovono.
    Quello che mi è piaciuto soprattutto è come ognuno di loro abbia uno sguardo diverso. Mi dispiace che il calendario si possa prendere il sabato o la domenica perché io sto a Roma. Adesso prendo i contatti con loro e spero di averne presto uno.
    Grazie.

Leave a Reply

Non puoi vedere queste cose perché hai scelto di disabilitare i cookie relativi. Sorry.  
Non puoi vedere queste cose perché hai scelto di disabilitare i cookie relativi. Sorry.